Il Diavolo abita anche in Vaticano

Repubblica — 10 marzo 2010   pagina 1   sezione: PRIMA PAGINA

CITTÀ DEL VATICANO BEELZEBUL, Zago, Astarot, Asmodeo, Jordan. Quanti sono i nomi e le trasformazioni del Maligno? La stanza del mistero è spoglia. L’ atmosfera fredda. Però padre Gabriele Amorth, l’ Esorcista con la “e” maiuscola, settantamila casi affrontati in nemmeno 25 anni, sorride serafico. Lui è abituato a porte che sbattono, sedie che si rovesciano, occhi che roteano, bestemmie che volano. Ma parlare di demonio nella casa del Papa mette i brividi lo stesso.

Anche se l’ Esorcista non si tira indietro di fronte all’ Avversario. E il Santo Padre? «Oh, Sua Santità crede in pieno nella pratica dell’ esorcismo. Perché il diavolo alberga in Vaticano. Naturalmente è difficile trovare le prove. Ma ho confidenze di persone che lo confermano. E, del resto, se ne vedono le conseguenze. Cardinali che non credono in Gesù, vescovi collegati con il demonio. Quando si parla di “fumo di Satana” nelle Sacre stanze è tutto vero. Anche queste ultime storie di violenze e di pedofilia». – MARCO ANSALDO

Dalla redazione – Questo è quanto ha scritto il giornale La Repubblica. Questo sono i fatti. Per un momento non volevo riportare questa notizia sul nostro sito, ma poi vediamo che i segni sono così evidenti che non fa che lasciarci – ancora una volta – perplessi.

Succede  proprio questo quando si aggiunge o si toglie all’insegnamento della parola di Dio (la Bibbia), quando si da all’uomo poteri e autorità che non li competono. Una “religione” piena di difetti… che non salva, non riscatta… anzi portano gli altri alla perdizione eterna.

La Bibbia e quindi Dio, Gesù Cristo e lo Spirito Santo non sono una religione. Questo cambia ogni cosa. Ti invito ancora oggi a credere nel Signore Gesù e leggere la Bibbia.

“In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.” Giovanni 5:24

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>