Differenze tra Protestanti e Cattolici

I cristiani nella Bibbia sono definiti persone che amano la Verità  (2 Tessalonicesi 2:10). Se una persona ama la verità  deve per forza odiare le bugie, gli errori e tutte le distorsioni della Verità . Tuttavia, proprio come Dio odia il peccato, ma ama tutti gli uomini peccatori, i cristiani devono amare tutti allo stesso modo, tutte le persone e le creature di Dio, anche se insegnano o credono in qualcosa che non è giusto o vero. Così cattolici e protestanti debbono amarsi a vicenda, anche se non sono d’accordo su ciò che l’altro fa o crede.

Cattolici e protestanti credono in molte delle stesse cose (come la figura di Gesù Cristo e il concetto di Trinità ), ma hanno anche parecchie differenze, alcune delle quali sono banali, ma altre sono fondamentali.

La Chiesa cattolica ha alle spalle una lunga storia e nel tempo è cambiata in molti modi, a volte in meglio, a volte in peggio.

Il Cristianesimo Protestante ebbe inizio nel 1500 quando alcune persone, che iniziarono ad approfondire lo studio della Sacra Scrittura, si ribellarono contro le cose sbagliate che la Chiesa cattolica stava facendo e insegnando. Così staccarono e formarono la loro propria chiesa, più in linea con la verità  biblica. Proprio come la Chiesa cattolica, le Chiese protestanti non sono perfette, e questo appunto perché la chiesa è formata da persone imperfette, da credenti peccatori, come lo siamo tutti. Non si può, infatti, credere che una o l’altra chiesa non sbaglia e non abbia mai sbagliato, e questi sbagli sono la prova visibile dell’infondatezza della dottrina cattolica dell’infallibilità  papale, del fatto che la Chiesa Cattolica sia la chiesa di Dio. Nessun uomo è perfetto  su questo mondo (Salmi 14:3; Romani 3:23). E non esistono religioni, denominazioni o confessioni che non sbaglino mai, appunto perché le religioni sono fondate dagli esseri umani imperfetti. Solo Gesù Cristo salva, la fede in Lui, e non la semplice appartenenza ad una chiesa o religione.

Il problema principale è che i cattolici hanno creduto e fatto alcune cose in modo diverso da quello che insegna la Bibbia. I protestanti difendono ciò che Dio ha detto attraverso la Bibbia. La Chiesa cattolica ha ammesso alcuni degli errori che ha commesso in passato e ha cambiato. Ma ci sono ancora, all’interno di essa, alcune credenze e pratiche che sono contrarie a ciò che la Bibbia insegna.

Un esempio di cambiamento nella chiesa cattolica è, il fatto che oggi, la Chiesa cattolica incoraggia la lettura della Bibbia, anche se sostiene che bisogna attenersi alle interpretazioni ecclesiastiche. Ma in passato la Chiesa cattolica ha scoraggiato lo studio personale della Bibbia inserendola nell’Indice dei Libri Proibiti. Solo alcune persone furono stati autorizzate a farlo. Gente che leggeva o diffondeva la Bibbia furono addirittura uccise dalla Chiesa cattolica, come William Tyndale che è stato uno dei primi a tradurre la Bibbia in inglese.

Nelle Bibbie cattoliche ci sono alcuni libri che non dovrebbero esserci: i libri apocrifi palesemente non ispirati da Dio.

Un tempo quasi tutti i libri della Chiesa cattolica erano interamente in lingua latina, e solo poche persone potevano capire il latino. Questo non è più case.

Perché il Protestantesimo nasce solo nel 1500?

E’ motivo di vanto cattolico dire “La nostra Chiesa esiste da oltre duemila anni e questa è la prova che sia la Chiesa che Cristo ha fondato”.

Certo, esiste da duemila anni, ma come ha portato avanti questo suo potere? Tramite accordi politici con i governanti, i re, gli imperatori, scendendo a compromessi, cosa che la chiesa di Gesù Cristo non dovrebbe fare in quanto non dovrebbe mischiarsi in affari politici ma difendere solo e sempre il contenuto della Scrittura senza dargli altre interpretazioni. Ottenendo protezione e ricchezza tramite essi. Reprimendo col sangue le altre religioni. E impedendo la lettura della Sacra Scrittura al popolo, in quanto la Bibbia, così come gli scritti patristici, era scritta in latino e solo coloro che avevano studiato potevano capirla. E se si pensa che la cultura al tempo era cosa per una piccola percentuale della gente che c’era, si capisce il perché la Chiesa cattolica sia andata avanti. Poi con l’invenzione della stampa, il Rinascimento e la rivalutazione della capacità  intellettuali di tutti gli uomini, alcuni si sono spinti fino a voler tradurre le Scritture e diffonderle, e con grande rammarico ci si è resi conto che quel che veniva da sempre predicato da un sistema politico corrotto, non era conforme alla Parola di Dio. Ecco il perché. In risposta alla Riforma Protestante, e per difendere le dottrine antibibliche che diffondeva, la Chiesa Cattolica ha inserito i libri deuterocanonici nel canone biblico, libri che fino ad allora non c’erano, e ha istituito l’Indice dei Libri Proibiti, e ha predisposto che chi non si fosse attenuto a ciò che il sistema insegnava, sarebbe stato considerato eretico e bruciato sul rogo. E quanti sono i martiri cristiani che furono arsi vivi! Purtroppo, ancora oggi si sentono dire frasi del tipo “La chiesa cattolica è voluta da Dio” all’interno degli ambienti cattolici, ma se fosse stata la Chiesa voluta da Dio, sulla quale Dio aveva messo la sua mano, di certo non si sarebbe macchiata di tutto questo sangue e di certo non avrebbe proclamato false dottrine non conformi, palesemente, con la Bibbia.

Fonte: apparizionimariane.net

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>