Egitto, l’onda del contagio (aggiornato con galleria foto)

VERONA – “Latente ingovernabilità”, così Porte Aperte, organizzazione evangelica a sostegno dei cristiani perseguitati, di fronte ai tumulti in Egitto, definisce la situazione in Medio Oriente e nel mondo musulmano in generale.

Giulio Meotti, giornalista de Il Foglio, il 26 gennaio si chiede: «Cosa subentrerà al vuoto dei regimi arabi? Chi guadagnerà da queste proteste? In Tunisia l’hanno chiamata “Intifada”, al Cairo per strada si urla “Allah Akhbar” e i Fratelli Musulmani (movimento islamico di tipo politico) ringraziano Allah per la “santa collera“, Hamas parla di una “vittoria della democrazia”. Cosa accadrà alle donne di Tunisia? L’ex presidente Habid Bourghiba aveva dato alle donne diritti senza uguali nel mondo islamico. Durerà questo modello? Che ne sarà di quel poco di modernizzazione e laicità? Queste rivoluzioni nascono certamente dal malcontento popolare verso i regimi, ma chi potrebbe approfittarne è l’islamizzazione».

«Ad Alessandria d’Egitto – considera Porte Aperte -, con i terribili attentati contro i cristiani copti, era cominciato tutto all’inizio di quest’anno e sembra proprio che tutto stia tornando al punto di partenza, dopo aver coinvolto e sconvolto Algeria, Tunisia, ma anche Albania e Libano. Decine di migliaia di egiziani ora protestano in piazza, urlano il loro malcontento nei confronti del regime di Mubarak: solo qualche giorno fa era una cosa impensabile eppure sta accadendo. L’Egitto, però, non è la Tunisia e se crollasse il regime egiziano sarebbe un disastro sia per il paese (che è in assoluto il più importante del mondo arabo ed è la culla intellettuale dell’Islam sunnita arabo), sia per l’intera regione che si spinge sino al cuore del Medio Oriente».

«La strage di cristiani copti la notte di Capodanno – prosegue Porte Aperte – è stata sicuramente pianificata da estremisti (sunniti) legati ad Al Qaeda con un chiaro obiettivo: creare un conflitto tra musulmani e cristiani (copti) in Egitto che destabilizzi il paese e, nello stesso tempo, punisca i cristiani attraverso un’onda di intolleranza nei loro confronti, un’onda capace di espandersi come uno tsunami dall’Africa all’Estremo Oriente, passando per tutto il Medio Oriente e coinvolgendo milioni e milioni di persone. È evidente che in Egitto il piano di creare un conflitto aperto tra musulmani e cristiani è parzialmente fallito, ma l’instabilità ora c’è e può convertirsi nell’humus adatto per una presa del potere da parte dell’islam più radicale».

Fonte: Porte Aperte

Galleria foto

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>