Trasformando Charlie Brown in un vincitore?

Lui è stato bocciato in tutte le materie in terza media. E’ stato bocciato in fisica, latino, algebra e inglese al liceo scientifico.

Nello sport, non era per niente bravo. Riuscì ad entrare nella squadra di golf della scuola ma l’unica volta che giocò nella stagione perse.

Quando gli diedero un’altra possibilità di giocare, perse ancora.

Durante il periodo scolastico, ha avuto sempre problemi a socializzare. Nessuno degli studenti si importava di lui.

Era come se lui non esistesse.

Non si sa come sia andata la sua vita sentimentale, ma non è mai riuscito ad invitare una ragazza per uscire nel periodo scolastico. Lui aveva paura di essere rifiutato.

Era un perdente. Tutti sapevano questo. Anche lui stesso. L’unica cosa importante per lui era disegnare. Era orgoglioso dei suoi disegni.

A nessuno, a parte se stesso, piacevano quei disegni. Nell’ultimo anno del liceo scientifico, offrì alcune delle sue vignette agli organizzatori del libro del diploma ma furono rifiutate.

Ma essendo convinto del suo talento e decise di diventare un artista professionale.

Scrisse una lettera agli studi di Walt Disney, dove gli chiesero di mostrare i suoi lavori e gli suggerirono un tema affinché potesse svilupparlo. Disegnò le vignette, e prese molto tempo per farle.

Ma anche qui le sue vignette non furono accettate.

Un altra sconfitta per il perdente.

Allora decise di scrivere la propria biografica in vignette, descrivendo se stesso quando era bambino: un ragazzo perdente che non riusciva ad eccellere.

Presto, il personaggio delle vignette divenne famoso in tutto il mondo. Quel ragazzo che non ne faceva una giusta, il cui lavoro era stato rifiutato molte volte, era Charlie Schulz, il creatore delle vignette Peanuts, del cane Snoopy e del piccolo Charlie Brown, il ragazzino che non riusciva a far volare mai il suo aquilone e non riusciva mai a calciare un pallone.

Una cosa è certa, Dio ha un tempo giusto per trasformare i perdenti in vincitori… il nostro compito è aspettare e non desistere.

Pulpito Cristão, tradotto da Vinicius.

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>