Parini, troppi insulti dai genitori E cinque professori se ne vanno

Dal sito Repubblica.it – Non vogliono più avere a che fare con le mamme degli studenti del Parini e per questo hanno chiesto il trasferimento in altre scuole. Alla fine, dopo una lunga lotta, i professori hanno gettato la spugna. Due professori hanno già presentato la domanda per insegnare altrove da settembre, altri tre valutano se farlo ora, pur fuori tempo massimo. «Questa scuola è un incubo — dice una delle prof transfughe — ci sono madri, non tutte per fortuna, che passano le loro giornate a insegnarci come si fa il nostro mestiere. E se i figli prendono voti bassi ci insultano».

Continua a leggere la notizia sul sito repubblica.it

Dalla redazione – Ancora una volta i nostri valori morali e di educazione vengono invertiti. Tanti professori sono ostaggi dei propri studenti o peggio ancora dei genitori. Ovviamente i professori devono avere delle regole di comportamento e di professionalità ma i genitori devono comprendere che i loro figli devo ricevere un educazione adeguata non dimenticando l’insegnamento a rispettare le persone più grandi e le autorità, in genere. Un può di tempo fa avevo pubblicato questa vignetta che rappresenta bene la situazione:

Articoli correlati:

One thought on “Parini, troppi insulti dai genitori E cinque professori se ne vanno

  1. Revdmo Pr .Valmir e chiesa assb di Dio Missionaria: como estão as ações missionarias frente , as organizazziones Catoliches, ai in It.quais as maiores dificuldades frente a evangelizazzione dei poppullis Italians.fellicito Vos por la atittudes missionaria Brasileira. att:Ir. Claudio Reghenzzi/ ex padre catolico brasileiro, Assembleia de Deus Goiania Goias Brazile. Grazzie tantti.Benedizziones di Dio . membro minist, Vila Nova – pr Ciro Gonçalves.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>