Comunità di ebrei messianici sotto attacco

ARAD (Israele) – Una comunità ebrea messianica è sotto attacco nella cittadina israeliana di Arad, nel sud del Paese, da parte di gruppi di ultra-ortodossi, che la accusano di condurre attività missionaria, e vorrebbero che lasciasse Israele.

Ad Arad vivono circa 30 famiglie di un gruppo di ebrei messianici, vale a dire ebrei convertiti al protestantesimo che credono che Gesù sia il Messia atteso da Israele. Sono guidate da un pastore, Yakim Figueras, che sostiene che la sua congregazione non vuole forzare nessuno a creder in Gesù (Yeshua in ebraico); ma «chiunque creda davvero in Yeshua, secondo la Nuova alleanza crede che questa sia la risposta per ciascuno».

Secondo fonti evangeliche, le dimostrazioni contro la comunità messianica sono legate alle preoccupazioni degli ultra-ortodossi che vedono un numero crescente di israeliani nella regione di Arad (che conta circa 25 mila abitanti) riconoscere in Gesù il Messia.

Nel 2008 la Suprema corte di Israele ha stabilito che gli ebrei messianici hanno gli stessi diritti degli altri ebrei, per quanto riguarda la cittadinanza automatica in Israele. Il problema è stato posto da 12 persone a cui era stata negata la cittadinanza perché riconoscevano in Gesù il messia. Ad alcuni di loro era stata negata perché “responsabili di attività missionaria”.

Le confessioni protestanti vedono gli ebrei messianici come parte del “Corpo di Cristo”, un termine usato per definire in maniera inclusiva i credenti[...].

I gruppi ultraortodossi organizzano manifestazioni con megafoni davanti alle abitazioni degli ebrei messianici. Gridano slogan come: “vattene da Arad e da Israele, stato ebraico”.

Una delle vittime delle proteste ha detto di non essere contraria alle tradizioni ebraiche: «Credo nella Torah, nei profeti e anche nelle Nuova alleanza». Un altro ha espresso preoccupazione: «In Europa gridavano: “Ebrei, fuori”. Qui gridano: “Messianici fuori”, e ci accusano di voler battezzare la gente».

Fonte: La Stampa, Marco Tosatti – 28 mazo 2011 – tramite Evangelici.net

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>