Incidente mortale per David Wilkerson

NEW YORK – Il noto predicatore David Wilkerson, autore del best seller “La croce e il pugnale”, è morto mercoledì pomeriggio in un incidente stradale in Texas. Avrebbe compiuto 80 anni il prossimo 19 maggio.

Secondo le autorità locali, il veicolo su cui Wilkerson viaggiava avrebbe urtato con violenza un autoarticolato su una strada statale a circa 150 chilometri da Dallas. Nell’incidente è rimasta ferita anche la moglie di Wilkerson, Gwendolyn, subito soccorsa e al momento dichiarata fuori pericolo.

La notizia dell’incidente ha cominciato a circolare nel tardo pomeriggio di ieri, ed è stata confermata a notte fonda dai familiari del predicatore con uno stringato comunicato sul sito di World Challenge, missione di riferimento per l’impegno spirituale di David Wilkerson: «Oggi, 27 aprile 2011 – si legge nella nota – David Wilkerson è andato con Gesù. Riceviamo molte chiamate e richieste e volevamo solamente confermare il fatto che è mancato in un incidente automobilistico. Apprezziamo le vostre preghiere e i nostri cuori sono addolorati, ma gioiamo sapendo che David Wilkerson ha speso la sua vita nel modo migliore».

Wilkerson era il fondatore e pastore anziano della chiesa evangelica di Times Square, a New York, dove era arrivato nel 1958 dalla rurale Pennsylvania per un progetto di recupero per tossicodipendenti basato sulla Bibbia. Anni dopo raccontò la sua avventurosa esperienza nel noto “La croce e il pugnale” (pubblicato in italiano da EUN), divenuto in seguito un film interpretato da Pat Boone e da un giovanissimo Eric Estrada; partendo dall’esperienza di Wilkerson nacque l’organizzazione internazionale Teen Challenge, attiva oggi in ottanta Paesi del mondo, con oltre mille centri dedicati al recupero e alla prevenzione delle dipendenze.

Wilkerson era apprezzato a livello internazionale anche per le sue predicazioni e il loro messaggio di grande impatto: se negli ultimi anni aveva diradato i viaggi, i suoi sermoni – diffusi e tradotti in tutto il mondo attraverso il servizio Pulpit Series Newsletter – restavano un punto di riferimento per la loro chiarezza e la loro capacità di motivare i cristiani a una vita di fede più profonda, lontana dalle mode dottrinali e dalle scorciatoie spirituali proliferate negli ultimi anni.

Nel corso del suo impegno pastorale, David Wilkerson aveva visitato diverse volte anche l’Italia, ed è ancora viva nella memoria la campagna del 2002, quando riempì i palasport delle principali città italiane di credenti e non, sfidandoli con un messaggio di profonda integrità spirituale.

Fonti: worldchallenge.orgcharismamag.comcbsnews.com

Articoli correlati:

2 thoughts on “Incidente mortale per David Wilkerson

  1. Sono Federico Scifo. Vivo a Campofranco, un piccolo paese siciliano. Sono molto triste per la morte del fratello David Wilkerson, un grande uomo di Dio. Né sono molto triste soprattutto per il modo di come questa sua morte sia avvenuta: per un incidente stradale. Ancora non riesco a credere che sia morto realmente. Ma, anche per il modo in cui la sua morte è avvenuta sarà sicuramente ricordato. Credo che proprio mercoledì pomeriggio (in Italia), forse nello stesso istante in cui David Wilkerson moriva, pensavo su chi sarebbe potuto essere un suo degno sostituto nella chiesa mondiale. Coincidenza? E, anche adesso mi chiedo: ci saranno altri ministri di Dio come lui in questa e, se non torna prima il Signore, nelle future generazioni? Dico questo non solo in riferimento alla sua profonda e particolare unzione sia nelle predicazioni che nei libri, ma anche per la sua sincerità ed apertura spirituale. Ho passato anni a leggere i suoi scritti. Hanno arricchito la mia vita spirituale. Le sue predicazioni ed i suoi libri hanno sconvolto la mia vita. Io non so’ se ci saranno ancora predicatori come lui e con una storia come la sua. Mi mancherà e mancherà a tutta la chiesa mondiale: un uomo di Dio che ha lasciato a noi in eredità un impatto spirituale ed un esempio così forti. (Federico Scifo)
    “Ricordatevi dei vostri conduttori, i quali vi hanno annunziato la parola di Dio; e considerando quale sia stata la fine della loro vita, imitate la loro fede.” (Ebrei 13:7)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>