I soldi e le preoccupazioni

“Non temere, piccolo gregge; perché al Padre vostro è piaciuto di darvi il regno.” – Luca 12:32

Dalle parole di Gesù registrate nella Bibbia, Lui ha molto da dire riguardo il denaro rispetto a qualunque altro discorso. Nel libro di Luca capitolo 12 troviamo un buon riassunto della Sua attitudine. Gesù non condanna il possesso dei beni, ma allerta a non credere che i soldi possano garantire il futuro. Il denaro non riesce a risolvere i più grandi problemi della vita.

Anche se Gesù parla di molti aspetti del denaro, Lui sembra concentrarsi in un fatto: che cosa il denaro sta facendo in te? Il denaro può dominare la vita di una persona, togliendo l’attenzione da Dio. Gesù ci invita a liberarci dal potere del denaro – anche se questo significhi aprire mano di tutto i soldi che abbiamo.

Gesù invita coloro che lo ascoltano ad accumulare tesori del regno di Dio, perché questi tesori possono portare benefici in questa vita ed anche nell’eternità. “… non siate in ansia…” Lui dice (Luca 12:22), poiché è Dio che provvede tutto quello che abbiamo di bisogno. E per rafforzare la sua argomentazione, Lui parla del re Salomone; l’uomo più ricco dell’Antico Testamento. Gesù disse che semplici fiori sono vestiti da Dio con più gloria di un re. Allora, non essere in ansietà (vv.27-29), ma “Cercate piuttosto il suo regno, e queste cose vi saranno date in più” (v.31).

E’ meglio confidare in un Dio che elargisce zelo in tutta la terra che spendere le nostre vite preoccupando con denaro e beni.

La nostra vera ricchezza è quello che avremo nell’eternità.

Fonte: ministeriosrbc.org

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>