Vinicius ed Antonella, uniti in matrimonio!

“Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e saranno una sola carne” – Genesi, 2-24

Questa la formula con cui Valmir Farinelli, in qualità di pastore, univa gli sposi. Nei panni del padre la sua voce era molto emozionata, non perché rinunciasse al suo ruolo naturale, ma perché Vinicius usciva dal contesto autorevole paterno, per entrare nel ruolo di capo di una famiglia nascente. È il ciclo della vita, che il Signore stesso ha creato e voluto, ma che comunque ogni genitore vive con grande commozione. Il sogno di Vinicius ed Antonella, dunque, s’è coronato, nella chiesa dove sono nati si sono conosciuti e si sono innamorati. Quella chiesa che, nel giorno del matrimonio, era splendente di fiori, di colori e di grande emozione. Vinicius, oltre ad essere, ovviamente, molto amato dai suoi, è molto amato da tutti per cui nessuno è mancato a volerlo festeggiare insieme alla compagna che si è scelto una ragazza, Antonella, dolce e riservata, che abbiamo ammirato nel suo bell’abito bianco, luminoso come solo una sposa sa essere. Quel che a tutti noi è piaciuto, in modo particolare, la presenza dei parenti brasiliani, venuti da cosi lontano per festeggiare le nozze. La peculiarità di questa grande famiglia noi la sintetizziamo in una sola frase: ” grandemente benedetti per generazioni”. Nonni, zii, cugini e parenti cari pastori e dunque, il movimento dello Spirito Santo si poteva sentire nell’aria… Come tutti gli sposi, ci sono state foto e successivo ricevimento nella “Tenuta Roccadia” in Carlentini in una gioiosa atmosfera. Dio voglia benedire questa coppia, che è felicemente partita per il viaggio di nozze in Grecia con la nave da crociera.

A Dio sia la gloria

AnnaMaria Basilone

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>