Vale la medaglia d’oro

“… cercando ciascuno non il proprio interesse, ma anche quello degli altri.” – Filippesi 2:4

Durante il campionato statale di staffetta tra le scuole medie dello stato del Kansas, USA nel 2009 qualcosa di insolito successe: il gruppo femminile che vinse i 3.200 m furono squalificate. Ma quello che successe subito dopo era ancora più insolito. La squadra assegnata vincitrice statale, per volontà propria , diedero le medaglie alla squadra squalificata.

La prima scuola perse il primo posto perché i giudici stabilirono che una delle atlete uscì dalla sua pista mentre consegnava il bastone. Questo significava che la seconda squadra, Accademia Maranatha, sarebbe promossa in primo posto. Dopo che ricevettero le medaglie, le ragazze vincitrice videro gli sguardi triste degli atleti che avevano perso, e gli consegnarono le medaglie individuali.

Perché hanno fatto questo? L’allenatrice della squadra vincitrice disse: “Il nostro tema quest’anno era correre non per conquistare la gloria personale, ma lo gloria di Dio.” Questo fatto fu raccontato in tutto lo stato del Kansas e il nome di Dio fu esaltato.

Quando mettiamo i nostri interessi e desideri di lato per riconoscere che è meglio curare gli interessi degli altri (Filippesi 2:4), vediamo il nome di Dio essere glorificato. Agire con grazia e bontà nel riguardo altrui è uno dei migliori modi per portare le persone a Dio.

Quando amiamo a Dio, serviamo gli altri.

Fonte: ministeriosrbc.org – Dave Branon

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>