Antinomia, la anti-legge

Se diciamo che abbiamo comunione con Lui e camminiamo nelle tenebre, noi mentiamo e non mettiamo in pratica la verità” - 1 Giovanni 1.6

L’apostolo sta trattando qui di una eresia, che oggi è molto diffusa, chiamata antinomia (anti-legge). I simpatizzanti di questa dottrina credono che la persona può vivere nel peccato o in convivenza con essa, e allo stesso tempo avere comunione con Dio. Gli antinomiani non dicono apertamente che questa è la loro dottrina, ma in verità è così che vivono.

L’apostolo tratta con gentilezza gli antinomiani dei suoi giorni. Lui scrisse “se diciamo” e non “se ditte”, lui include a se stesso nella possibilità di pensare falsamente.

L’espressione “camminare nelle tenebre”, che non è altro che sinonimo di peccare. È nell’infinito personale, indicando una azione abitudinaria. Il fatto è che i cristiani peccano e, alcuni di loro, peccano frequentemente e gravemente. E questo è dimostrato nelle sue parole quando dici: “ Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi” (1 Giov 1.8) “e se pure qualcuno ha peccato, abbiamo un Avvocato presso il Padre: Gesù Cristo il giusto” (1 Giov 2.1). Ma per il cristiano, peccare non può essere una attitudine abitudinaria, ma si un svio del percorso. I figli di Dio peccano ma, non lasciano che il peccato li domini a punto di avere esclusa la giustizia della loro vita. Loro camminano nella luce non nelle tenebre. E proprio perche camminano nella luce, hanno coscienza della propria peccaminosità e si pentono prontamente.

Per quanto riguarda coloro per cui il peccato è un stilo di vita, nessuna religiosità o sacrificio sarà capace di aiutarli. Loro non riusciranno ad avere comunione con Dio se non cambiano radicalmente.

Cari, stiamo vivendo gli ultimi giorni. Moralità, legge, valore di vita sono scomparsi. L’eresia della antinomia, dell’anti-legge, è diventata molto pericolosa. Abbiamo bisogno di essere vigili.

Dal Libro “alcançando as alturas” di Richard Wurmbrand tramite Past. Valmir Farinelli

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>