I cristiani tiepidi dei nostri giorni

Molti credenti ingannati frequentano attualmente la chiesa e si sentono pronti per il ritorno di Gesù. Come le moltitudini dei tempi di Giovanni Battista si credono a posto perché frequentano la chiesa. Sono certi che Dio è obbligato ad accertarli perché una volta hanno elevato la preghiera del peccatore e poco importa se non si sono sottomessi alla signoria di Dio. Ubbidiscono soltanto quando gli fa comodo.

Se l’ubbidienza al Maestro contrasta con il loro piacere, allora ignorano con leggerezza la sua guida confidando nella “grazia di Dio”. Possono credere di essere giustificati, ma lo sono davvero? Si tratta forse di credenti tiepidi che Gesù affronta nell’apocalisse e che si consolano con una falsa grazia? Purtroppo questa condizione viene propagata da falsi profeti e insegnanti che dicono loro che sono a posto con DIO.

John Bevere

Articoli correlati:

1 comment on this post.
  1. pesacane giuseppe:

    sono stato molto edificato nel’leggere le tue rflessioni DIO TI BENEDICA

Leave a comment