Islamabad, undicenne disabile arrestata per blasfemia

ISLAMABAD (Pakistan) – Una bambina cristiana di undici anni, affetta da disabilità mentale, è stata arrestata con l’accusa di blasfemia e rischia fino all’ergastolo. Per la prima volta nella storia del Pakistan, la “legge nera” colpisce una minore che ha pure rischiato il linciaggio per mano di una folla di estremisti islamici. Solo l’intervento della polizia, che ha prelevato la piccola, ha scongiurato conseguenze ben peggiori. Intanto la comunità cristiana di Islamabad è sotto shock per la vicenda; centinaia di famiglie che abitavano nello stesso quartiere della minore, affetta da sindrome di down, hanno lasciato le proprie abitazioni nel timore di rappresaglie.

Protagonista (suo malgrado) della terribile vicenda di cronaca l’undicenne cristiana Rimsha Masih, che ora si trova rinchiusa nel carcere minorile di Rawalpindi in base a un provvedimento di custodia cautelare di quattordici giorni disposto ieri dalla magistratura. La ragazzina è indagata per blasfemia, avendo «dissacrato il Corano» ed è perseguita in base all’articolo 295-B del Codice penale, che prevede pene fino all’ergastolo.

Testimoni riferiscono che Rimsha, figlia di Misrak Masih, avrebbe bruciato dieci pagine di un libro islamico, il Noorani Qaida, usato per imparare le basi dell’arabo e del Corano. La giovane lo avrebbe scagliato nella pattumiera, dopo averlo avvolto in un sacchetto di plastica.

Il fatto è avvenuto il 17 agosto scorso nell’area di Umara Jaffar, settore G-12 di Islamabad, dal quale proviene la famiglia della minorenne. Le forze dell’ordine hanno aperto un fascicolo di inchiesta in base alla denuncia presentata da Syed Muhammad Ummad, un musulmano.

La polizia ha arrestato Rimsha Masih, dietro pressioni dell’ala fondamentalista islamica. Ieri, infatti, una folla ha preso di mira la famiglia della ragazza, che ha rischiato il linciaggio assieme alla madre. Centinaia di persone infuriate minacciavano di farsi giustizia da sé. Gli agenti hanno tratto in salvo la ragazza, quindi l’hanno condotta in carcere.

Per il timore di nuove violenze, almeno 300 famiglie del sobborgo cristiano hanno abbandonato le loro abitazioni. Ora sono in cerca di rifugio in luoghi più sicuri; nell’area regna un’atmosfera, raccontano fonti locali di AsiaNews, di alta tensione e i fondamentalisti minacciano di bruciare le case dei cristiani.

Sulla vicenda è intervenuto anche il cattolico Paul Bhatti, consigliere speciale del Primo ministro per l’Armonia nazionale, lanciando un appello ai leader islamici. Si è rivolto ai capi religiosi, chiedendo loro di collaborare per mantenere la calma e scongiurare possibili attacchi contro i cristiani della zona. Shahbaz, fratello di Paul e primo ministro cattolico nella storia del Pakistan, è stato ucciso dagli estremisti il 2 marzo 2011 proprio per la sua opposizione alla “legge nera”.

Il mese scorso un disabile mentale musulmano è stato bruciato vivo a Bahawalpur, nel sud del Paese, dopo essere stato accusato di blasfemia. Una folla gli ha dato fuoco, come punizione «per aver profanato il Corano». Intanto in rete si scatenano le proteste contro l’arresto della ragazza; in molti si chiedono «se questo è il vero islam» e, soprattutto, chi sarebbe la persona «affetta da disabilità mentali: la ragazzina o chi chiede che venga punita» per la presunta violazione alla norma. Le leggi sulla blasfemia, introdotte nel 1986 dal generale Zia-ul-haq per soddisfare le richieste della frangia estremista islamica hanno causato sinora l’incriminazione di almeno mille persone e la morte di sessanta, la maggior parte delle quali vittime di omicidi extra-giudiziali compiuti da folle inferocite o singoli individui.

Fonte: AsiaNews, Imran Morris, il 19 agosto 2012 – tramite Evangelici.net
Immagine: sfgate.com

Articoli correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>