La potenza della preghiera

“Non avete, perché non domandate” – Giacomo 4:2.

Vi porto un messaggio da Dio contenuto in cinque brevi parole. Eppure c’è così tanto in queste poche, semplici parole, da trasformare molte vite e trasformare operai inefficienti in strumenti potenti per il Signore.

Pronunciai queste cinque parole alcuni anni fa a una conferenza biblica a New York. Alcuni mesi dopo la conferenza, ricevei una lettera dall’uomo che aveva presieduto alla conferenza, uno dei ministri del vangelo più noti in America. Egli mi scrisse: “Non ho potuto allontanarmi dalle cinque parole di cui parlaste, esse sono state con me giorno e notte. Hanno trasformato le mie idee, trasformato i miei metodi, trasformato il mio ministero”. Quest’uomo da allora è stato quello che probabilmente è il pastore più noto tra tutte le chiese evangeliche del mondo. Confido che quelle parole possano discendere nel cuore di qualcuno di voi oggi come accadde per lui, e che nei futuri mesi e anni possano dire: “Non ho potuto allontanarmi da quelle cinque parole, esse sono state con me giorno e notte. Hanno trasformato le mie idee, i miei metodi, la mia vita, e il mio servizio per Dio”.

Troverete queste cinque parole in Giacomo 4:2, le ultime parole che concludono il verso: “Non avete, perché non domandate”.
Continue reading

Giovani di cinquanta nazioni uniti in preghiera

VERONA – Varie parti del mondo, una la preghiera, per lo stesso motivo: sostenere i giovani della Chiesa perseguitata.

Anche quest’anno milioni di giovani cristiani da venerdì 4 a domenica 6 marzo in più di 50 paesi daranno vita a riunioni di preghiera per chi, della loro generazione, appartiene alla Chiesa perseguitata.

L’iniziativa nasce da Underground, la sezione giovanile di Porte Aperte, organizzazione internazionale evangelica impegnata a soccorrere i cristiani perseguitati. È chiamata Shockwave, «l’onda di preghiera – spiega Porte Aperte – che scuote da anni il mondo».

Continue reading

Dio ti conosce e ti investiga


Salmo 139:1: “O Signore, tu mi hai investigato, e mi conosci”.
Kent voleva veramente il nuovo lavoro sulla sicurezza. La compagnia aeronautica dove egli lavorava, era una delle piu’ grandi, ed era considerata come l’industria leader del settore.
Il suo lavoro sarebbe possibilmente diventato uno dei piu’ importanti in giro. Egli sedette presso la scrivania del suo intervistatore….

Continue reading